PRIMAVERA : Depuriamoci dalle tossine

I CONSIGLI DELL’ OSTETRICA
16 Aprile 2018
10 MAGGIO : ATTACCO ALLA CELLULITE
4 Maggio 2018

LA DEPURAZIONE

Dopo il riposo invernale avvertiamo intorno l’imminente risveglio della primavera. La tradizione popolare ci ricorda che è questo il periodo giusto per modificare lo stile di vita sia attraverso la ripresa dell’attività fisica sia con abitudini alimentari atte a smaltire le scorie del metabolismo e allontanare le tossine accumulate frutto dell’immobilità invernale e degli abusi ed eccessi delle festività pasquali.

Le cure depurative, praticate da millenni in tutte le civiltà in questo passaggio stagionale, hanno tutte in comune l’assunzione prolungata e regolare di piante medicinali per un periodo sufficientemente lungo. In questo modo vengono stimolati in maniera blanda ma efficace il fegato, il rene, l’intestino, la pelle e gli organi di eliminazione che canalizzano verso l’esterno le sostanze da eliminare e i liquidi in eccesso, favorendo la rigenerazione delle cellule e la vitalità dell’organismo

PRIMO PASSO: VIA LE SOSTANZE A RISCHIO

La premessa indispensabile perché si rinnovi in continuazione dentro di noi il prodigio della vita e si possano moltiplicare e rinnovare le cellule dei nostri tessuti è l’allontanamento di ogni sostanza che possa impedire o rallentare il processo di rigenerazione. Il rinnovamento continuo delle cellule e dei tessuti dell’organismo, la produzione di scorie del metabolismo alimentare, l’introduzione di sostanze tossiche come additivi, conservanti, coloranti, residui di trattamento alimentare e farmaci, il rallentamento dei liquidi e delle attività vitali conseguenti allo stile di vita sedentario, il progressivo accumulo di tensioni a livello muscolare, rendono necessario l’allontanamento di sostanze, scorie e tossine che accumulandosi progressivamente ostacolano, rallentano o impediscono i normali processi vitali e il continuo processo di rigenerazione.

SECONDO PASSO:IL DRENAGGIO CON LE PIANTE OFFICINALI

Il drenaggio viene attuato stimolando in maniera debole e prolungata gli organi di eliminazione, detti “emuntori” (cute, polmone, fegato, reni, intestino), soprattutto nei cambi di stagione, in particolare all’inizio della primavera (“cure di primavera”). Si utilizzano piante preziose come il carciofo , il tarassaco, la betulla, la fumaria in trattamenti specifici con farmaci fitoterapici nella posologia e durata variabile a seconda del soggetto e del problema. A tal fine siamo pronti a suggerirvi i migliori e più efficaci trattamenti, grazie alla nostra preparazione specifica sul naturale.

Oltre all’utilità del drenaggio fitoterapico durante il cambio di stagione, esso è anche efficace in periodi di Convalescenza, per Sovrappeso
Alterazioni del metabolismo
Steatosi epatica (“fegato grasso”)
Ritenzione idrica
Difficoltà digestive
Alitosi
Stipsi

Condividi sui Social!